Spazio artigiano

Spazio Artigiano rappresenta il punto di incontro tra arti applicate e design. Uno spazio per creare e uno spazio per ospitare artisti e artigiani famosi, meno famosi, esordienti. Da noi trovano dimora ceramiche, porcellane, tessuti lavorati al telaio, feltri, vetri, borse, collane, cose per la casa. Grandi e piccole idee regalo per una cena, per un compleanno, per un giorno speciale, per un giorno qualsiasi. Un viaggio tra tradizione e innovazione. Pezzi rari, unici, dell’artigianato tradizionale e contemporaneo, realizzati con tecniche antiche e materiali naturali

I nostri artigiani

Con noi lavorano Giacomo Alessi, Mona Mohana, Studio Potomac, Caff design, Sophie Prieur, Sandrine Giraud, Tami Child, Maria La Rosa, Exquisit, Renato Santarossa. E, presto, tanti altri ancora ci raggiungeranno. Conosciamo il loro impegno, la loro ricerca continua, la loro capacità di rinnovarsi. Sappiamo che ogni prodotto è stato realizzato nel rispetto dell’ambiente, con senso etico per il lavoro, con il pensiero tipico degli artigiani di produrre senza distruggere

La nostra storia

L’avventura di Spazio Artigiano è iniziata nel 1998 da un’idea di Cristina Venezia, tessitrice e appassionata collezionista di oggetti di arte decorativa, dopo una lunga esperienza lavorativa che le ha permesso di conoscere e collaborare con makers del mondo delle arti applicate.

La bottega di Spazio Artigiano si trovava nel più antico rione di Roma, il rione Monti. Pittoresco quartiere che mantiene la sua fama di creatività fra botteghe, laboratori, negozi vintage, piccole vinerie e trattorie con cucina locale. In una stradina laterale al riparo dal traffico e dai flussi turistici, non lontano dal Colosseo, da Fontana di Trevi, dal Palazzo delle Esposizioni, da Piazza Venezia.

Fulcro del progetto, la convinzione che il processo lungo, minuzioso e paziente del fare artigiano aggiunge valore e bellezza alla nostra vita quotidiana.

Il laboratorio di tessitura

Trama, ordito, filo e tessuto si fanno opera.

Nel mio laboratorio a Roma, disegno e realizzo sciarpe, stole, tessuti per l’abbigliamento e tessuti per la casa, utilizzando due telai manuali antichi.
Mi ispiro ai motivi tradizionali dei tessuti popolari che amo rivedere per realizzare strutture non convenzionali adatte al gusto contemporaneo.
Prediligo filati naturali come lino, canapa, cotone, alpaca e mohair. Do attenzione alle fonti di provenienza, al modo in cui le fibre sono state trattate.
Mi piace lavorare con rimanenze di filati, strisce di tessuto e fibre non convenzionali per donare un aspetto inedito al prodotto finale.

Ho studiato a Firenze con Paola Guidotti e a Milano con Paola Besana. Da entrambe ho imparato il rigore della tecnica che solo quando è ben assimilata ti permette la libertà della creazione.

Cristina Venezia